Senza categoria

#Hashtaggami l’intervento

Non pensavo di dover usare questo blog per sfogarmi, ma una volta tanto tocca pure a me e voglio spiegare un qualcosa che mi turba profondamente.
Il discorso sugli hashtag di Efp, sì.
Mi dispiace, ma vi tocca sorbirvi il pippone prima della prossima fanfiction.
Io non sono una persona che ama sparlare di altri e non voglio assolutamente mettere in cattiva luce il lavoro svolto in questi anni dall’amministrazione di Effeppì, ma diciamocelo: i tag non servono, lo sappiamo tutti quanti qui e nessuno lo nega, allora io me ne domando l’utilità.
Far diventare Efp un social? Spero proprio di no, ma pare che la tendenza sia l’innovazione e la multimedialità e io non mi dichiaro contraria a prescindere, il discorso fondamentale è un altro: i problemi del sito a mio parere non stanno in un’innovazione del genere e non li risolverà.
La ricerca è semplice e chiara, va solo sistemata in modo che recuperi la sua funzionalità originale e il suo senso con delle modifiche semplici: controllare le voci in più, toglierle, ridare un’occhiata agli altri siti in modo da vedere quali avvisi e note si potrebbero importare…
Ordinare le storie? Continua a non parermi una situazione necessaria, ma l’autonomia degli utenti in questo sistema mi conforta almeno un po’.
Punto fondamentale è far rispettare il regolamento del maledetto sito: lo avete scritto e sottoscritto, applicatelo per Diana Vergine! Non dico tanto, ma date una sistemata alle sezioni One Direction e Justin Bieber senza nascondere la polvere sotto il famoso tappeto, sistema che non mi pare risolutivo in nessuna situazione.
Piuttosto chiudete il sito e prendetevi il vostro tempo per lavorare, gli utenti prima di tutto si aspettano la qualità dei portali cui accedono: è come se io entrassi in un quattro stelle e trovassi le ragnatele sul soffitto.
Ecco, magari non proprio un quattro stelle e non dico troppo, però il rispetto della lingua italiana ci deve essere nelle fanfiction che vengono postate altrimenti gli scrittori che si fanno un discreto mazzo per controllare grammatica e ortografia (roba di base, eh!) si sentono presi per i fondelli.
Abbondantemente prese per i fondelli.
Ovviamente non tutte le storie delle due sezioni sopracitate sono sterpaglia, ma sappiamo che una larga fetta lo sono e c’è la palese necessità di un ordine generale che faccia quantomeno capire che le regole vanno rispettate.
Sono personalmente stufa di leggere di stupratori, assassini, sequestratori, magnaccia e baby gang senza scopo in una sezione dove il più piccolo dei personaggi non ha ancora finito le scuole.
Tutti gli argomenti qui sopra sono stati trattati coi piedi, banalizzati da ragazzine che non hanno la minima cultura di base e sì, sono un’offesa per chi si impegna anche solo per ottenere un buon risultato pur applicandosi a livello amatoriale.
E le ficcywriter in questione sono, a conti fatti, l’80% del fandom per quanto mi ripugni ammetterlo.
Ok, un sito come Efp necessiterebbe di decine di moderatori per esaminare ogni fanfiction postata e approvarla, ma sappiamo bene che un giro di vite è indispensabile: il sito non cambierà rotta mai e l’amministrazione è stata chiarissima a riguardo, io però una domandina continuo a farmela: e se fosse un filo sbagliato, a ‘sto punto?
Oltretutto vengono a dirmi che il disagio è ciclico, grazie! Parlano dei TH e del fandom di semi disagiate che li osannava intorno al 2010, di HP con le Drarry e le Dramione di turno.
Non ritengo siano fenomeni paragonabili, spiegazione in breve del motivo:

  1. Le dimensioni del fandom: sono decisamente più popolosi i fandom di JB e 1D, per cui il disagio cresce esponenzialmente
  2. gli argomenti trattati e il modo di scrivere: gli orrori grammaticali c’erano da entrambe le parti, ma nessuno che io ricordi si è mai sognato di stuprare i TH oppure di farsi rapire, segregare e torturare da loro in modo da trovare l’amore eternoH.
    Sindrome di Stoccolma, autolesionismo, anoressia, bulimia, maltrattamenti fisici e abusi psicologici di ogni genere raccontati come se fossero acqua fresca in un torrente di montagna. Nulla di grave se la protagonista è uno scheletro che si maciulla le braccia, si spara, si droga, si prostituisce, vomita dopocena e si innamoraH di uno psicopatico, no? No.
    I “tipi” protagonisti erano crossoverati ingenuamente con HP, Full Metal, il Pulcino Pio e Pokèmon e prevedevano un linguaggio smesese, italiano inqualificabile ma la cosa più trasgressiva era una tizia coi pearcing o che si prostituiva, qui la gente si fa frustare come va al supermarket a comprare una baguette.
  3. La letteratura erotica: levate i libri di 50 Sfumature di fava dalle mani delle ragazzine che ora sognano di farsi frustare, stalkerare e perseguitare senza requie da un riccone che non sa tenersi il pitone nei pantaloni e ama farlo violento.

I sopracitati argomenti non so che fascino particolare esercitino su una massa di adolescenti che pare si sappia solo ora che emo, triste, sola e si tagliaH un po’ per moda un po’ per Tumblr in barba a chi di problemi veri ne ha o ne aveva e ha sofferto per uscirne.
Io non so cosa dire di diverso, se non che mi includo nella lista dei delusi e spero che alla fine le nuove modifiche fruttino bene a Erika e al suo sito, dato che sono perfettamente consapevole del fatto che non saprei gestire un archivio tanto grande.
Eppure mi sembra che specie dopo gli ultimi fatti, ci sia qualcosa che non va in modo plateale.
Se devi ignorare una persona e sei assolutamente convinta della tua idea, applicala: è inutile che vieni a chiedermi un parere se vuoi sentirti solamente dare ragione.
Giustamente tu paghi i collaboratori e tu decidi, ma dar retta agli altri ogni tanto mi dicono che è utile, e per quanto io sia una persona dalla testa dura come il muro penso di saperlo fare, anche se non sempre.
Vedremo, nel frattempo vado a farmi frustare da un’Omega Ruby di passaggio e mi faccio un tatuaggio, cià.
Ah, l’apostrofo è voluto, a farmi frustare da una donna sono ancora più trasgressiva di Mister Grey.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...