Fanfiction

La miglior invenzione di Bruce

05

Avevano discusso due giorni su come superare gli intoppi di quella invenzione, di quel progetto.
Ultron.
Bruce non era stato d’accordo,a un certo punto si era tirato indietro quando aveva spiegato a cosa doveva servire la loro invenzione.
Cosa distingueva la sua utopia da una follia reale?
Niente,gli aveva detto.
Banner non era un uomo capace di discutere, ma non per difficoltà espressive,perché la sua tensione emotiva rischiava di farlo esplodere da un momento all’altro.
Banner era stato grato delle concessioni ricevute,della sua amicizia,del suo spazio e del tempo condiviso.
Lui si era autodefinito ambizioso,il suo collega a cui aveva regalato molto,inclusa fiducia e riconoscimento di una parità che non aveva mai concesso a nessuno:lo aveva ospitato nel suo laboratorio,nella sua casa e gli aveva ceduto il comando.
A Stark non piaceva vedere criticata una propria opera,non sapeva discutere perché era uno stramaledetto impulsivo che tendeva a imporsi.
Dopotutto perché il timido,goffo,silenzioso Bruce Banner avrebbe dovuto porre qualcosa di più che un timida obiezione davanti alla sua affabilità,sicurezza e persuasione?
Eppure avevano due filosofie diverse: uno vedeva l’anima delle cose e l’altro ne vedeva l’utilità.
Ma Hulk non esisteva più,lo avevano ripescato schiacciato,deformato e blu da un aereo inabissatosi vicino alle Fiji.
Avrebbe dovuto dargli ascolto da subito.
Aveva tratto una lezione dal brusco abbandono di Bruce? Forse che era difficile imparare ad avere torto… Trangugiò avidamente una birra.
Quando aveva portato Natasha ad identificare il corpo si era rannicchiata contro di lui dopo che il medico legale aveva iniziato a ricoprirlo .
Sentiva di dovere qualcosa a Bruce per aver rovinato Nat.
Aveva deciso che si sarebbe preso cura di lei,in quel momento .
Aveva mantenuto la parola e le aveva ridato le sue ovaie,lei aveva pianto.
Ora era addormentata sul suo divano.
Anche lei aveva bevuto.
Tony aveva bisogno di una persona di polso e di un limite.
La meravigliosa spia aveva bisogno di un’ancora per orientarsi di nuovo nel mondo.
Aveva ignorato la gelosia di Pepper -seppur motivatissima – e aveva deciso che anche quella volta sarebbe stato dalla parte del torto per aiutare qualcuno che amava.
Scoló una seconda bottiglia di una nuova serie da sei.
La discussione su Ultron era stata impari e lui non aveva ancora capito niente,dato che era riuscito a scontentare qualcun altro inventando un apparecchio medico per ricostruire i tessuti danneggiati insieme alla dottoressa Cho.
Che di per sé era una cosa buona,in realtà,no?
Lei non aveva fatto obiezioni se non mediche,ma era lei quella laureata in medicina e perciò l’aveva semplicemente assecondata.
Rimise meglio la coperta su Natasha che mugugnò qualcosa senza però aprire gli occhi.
Bruce aveva inventato tanto lavorando al suo fianco ed era sicuro che avrebbe potuto fare molto di più: la gente chiamava lui “l’uomo più intelligente del mondo” semplicemente perché non conoscevano Banner.
Bruce era un inventore esperto e geniale , er
a riuscito con le sue mille paure e insicurezze, a inventarsi un modo con cui rapportarsi a Natasha, lui non era ancora in grado ma la vedeva un po’ come un gatto ferito da un dobermann che doveva far passare in mezzo a un canile.
Si era preso graffi,morsi, rabbia,dolore eppure erano ancora lì,lui e quella ballerina fuori tempo con la storia più inventata di sempre.
Nessuno conosceva la sua vera storia,nemmeno la Romanoff stessa avrebbe saputo raccontarla.
E nemmeno voluto, ma non era così importante.
Si guardò le mani segnate e mormorò delle scuse al suo migliore amico.
Scuse dolorose,non era alla sua altezza.
“Mi prenderò cura della nostra miglior invenzione,te lo prometto”sussurrò”hai inventato l’amore per Natasha e io mi prenderò cura di lei” si alzò barcollando e gettò le bottiglie di vetro.
Spense la luce e scompigliò i capelli della russa prima di tornare da Pepper.
Non si sarebbe permesso di giudicare negativamente Natasha e la avrebbe difesa da chiunque avesse provato a farlo.
“Scusami Bruce,avevo torto”.

Annunci

One thought on “La miglior invenzione di Bruce

  1. Il modo in cui Tony riesce ad essere la persona più egocentrica ed umile del pianeta nello stesso momento mi fa sciogliere.
    Si da la responsabilità di cose che non ha fatto, e poi se le prende sulle spalle senza esitazione. Fa quello che pensa di dover fare, senza mai chiedersi come verrà giudicato. E quando lo giudicano male, cerca di rimediare.
    Credo di amare quest’immagine di lui, immagine in cui si mostra umile dichiarando che Bruce è più intelligente di lui, ma allo stesso tempo non smette di essere se stesso, perché pensa che solo lui possa prendersi cura di Natasha.
    Datemi un secchio per le lacrime.
    Dovrebbero offrirlo in dotazione con le tue storie.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...