Hello, it's me · Senza categoria

Vi esorto a leggere After

tumblr_m8rtoxwhb21rdcw61o1_500_largeSono mesi che si parla in lungo e in largo di saghe come After, di fanfiction e di cosa può o meno diventare un libro, per cui penso sia ora di dire la mia e sfatare un po’ di miti riaprendo la sezione polemica del blog.
 
1) disilludetevi, non verrete mai pubblicati per meritocrazia, verrete pubblicati se un editore penserà che potete vendere delle copie, non perché siete bravi o simpatici.
 
♣Per questo After e 50 Sfumature + paccottiglia allegata, sono state pubblicate e molti altri libri, anche buoni,rifiutati. E’ finita l’epoca in cui emergono autori validi per una buona tecnica personale, conoscenza, cultura e ampiezza di visione. Siamo nell’epoca in cui è privilegiato chi segue meglio gli appetiti della gente.
Ora vi svelo una seconda cosa: chi compra un libro, di solito lo fa per pigrizia, sono pochi quelli che si fermano a esaminare attentamente gli scaffali di una libreria, che leggono recensioni prima di fare un acquisto, che distinguono Pirandello e Ungaretti da Dostoevskij da Kafka.
Nel mondo moderno sono barbonaggini per pochi eruditi accademici, piantiamola di nasconderci dietro un dito: i classici sono considerati sciapi e con poco da dire.
E’ un problema? Sì. Come lo risolviamo? Invitando la gente a leggere ,confrontarsi,dialogare,capire, discutere, informarsi e informandola noi.
 
2) la letteratura, signore e signori, è un concetto estremamente ampio e flessibile.
 
♣Per quanto dispiaccia, sono letteratura anche le fanfiction, son un genere, come lo sono gli Harmony, come lo sono i gialli: come dite, abbiamo sia Conan Doyle che Jessica Fletcher? Eh, convivono sullo stesso pianeta senza scandali? Ma dai, continuiamo a stupirci! Su!
Il problema vero, e che anche su questo punto sfugge, è che spesso si pretende tramite il marketing, di elevare Jessica Fletcher a Conan Doyle e chi li confonde è il secondo problema.
Perché è un problema anche vostro, scrittori che concionate sullo smarrimento della letteratura classica: quelli che leggono cinquanta sfumature, sono anche quelli che un giorno potrebbero comprare i vostri presunti capolavori.
After e My Dilemma sono libri che vendono e vendono bene, ripeto.
Perché qualcuno non dovrebbe commercializzarli? Non è la vostra docente,vostra madre o il vostro consigliere spirituale, dovete farvi autonomamente una capacità d’analisi.
Magari non seguire la moda è un buon inizio, magari cominciare a pensare e diffondere pensieri autentici per queste persone pigre e riscuoterle dal loro rigido e grigio -ma ahimè comodo- torpore. Sono loro la vostra sfida. Chi legge col cervello acceso, lo fa comunque.
Quindi sì, si può lucrare sulle fanfiction. E’ meno immorale farlo sugli Harmony? Non lo so, è guadagno. Voglio dire, qualcuno compra persino i libri di Vespa o della D’Urso, perché tanto accanimento?
 
 
3)sospiri vari ed eventuali perché sono tutte storie uguali senza fantasia vera.
 
♣Vero, lo sono.
Vero, ma la gente vuole cose comode e semplici, semplificate, peggio.
Voi scrittori siete probabilmente persone con il doppio o quasi degli anni delle ragazzine che vengono contattate da una casa editrice per le loro fanfiction, che vi siete preparati un solido bagaglio culturale e personale di anni di critica e analisi, di storie e letture e dibattiti e ricerche.
Mediamente queste sono storie che soddisfano fantasie che intorno ai quattordici anni dovrebbero essere etichettate come tali e mediamente accantonate. E poi scopri che ci sono un sacco di persone adulte frustrate che ambiscono ad essere frustrati e vogliono un fidanzato/a ricco e sessualmente prestante.
Voi no?
Possiamo rimproverare qualcuno di questo? No.
Il punto però resta.
 
Nessuno sembra più in grado di discernere che ci possano essere letture e testi di qualità diversa, quale sia il vero problema dietro queste saghe, libri e storie.
Quindi io, vi esorto dal cuore a leggere After e spero anche vi piaccia.
E’ un vostro diritto! Cacchio,leggere e amare un libro lo è. Ma fatemi una carità, un appello anche ai poveri scrittori che si impegnano per produrre testi diversi di tipo diverso per pubblico diverso.
Provate a leggere anche qualcos’altro. Tu, quattordicenne, sedicenne, diciottenne che stai leggendo ti prego di non sentirti scoraggiato dopo aver letto queste righe, perché sono parole sincere e vorrei che capissi che al mondo c’è posto per tutti e per le parole di tutti.
Qualcuno le ricorderà, qualcuno sognerà con esse e si può pensare che magari da esse apprenda qualcosa.
Soprattutto, impara una cosa:leggi e scrivi per passione, passione vera.
Perché è soltanto così che avrete qualcosa di vero da dire.
Vi esorto a leggere 50 Sfumature se prima avete letto Bukowski e Quasimodo, se avete conosciuto l’aratro di Pascoli e se avete atteso la nebbia agli irti colli con il cacciatore.
Perchè sono tutti mondi che coesistono, e avete diritto di conoscere entrambi prima di fare una scelta.
Non è obbligatorio che vi piacciano, la conoscenza non è piacevole.
La libertà, nemmeno.
La scelta, sì.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...