recensioni

The Devil’s Double

Senza titolo-5Premetto che questo non è un film per stomaci delicati e dico sul serio.
La storia racconta della vita di un membro della famiglia Hussein, un pazzo sadico, che si crea un sosia attraverso Latif.
E diciamo che per quanto è possibile, è più o meno tutta la trama, ma questo film è anche un film culturale, in qualche modo.
E’ come vedere non solo il declino di un modello di vita, ma anche il lato più brutale e sadico,violentemente spaventoso e opportunamente mai censurato dell’animo umano: quello bestiale.
A far da comprimario c’è la cultura irachena e i documentari della guerra, della sofferenza e della follia che non lasciano niente al caso e nulla all’immaginazione.
Fra stupri,abusi e violenze la vita del figlio di Saddam Hussein scorre sullo schermo, mentre Latif la osserva impotente, inizialmente e terrorizzato sino al suo tentativo di ribellione più che riuscito. Nel finale è spiegato che Latif non è stato più visto se non in due occasioni e il giovane Hussein morirà in un’azione delle forze statunitensi.
Adoro questo film, devo dire che ne sono assolutamente innamorata e i motivi, oltre alla crudezza e l’ottima regia, sono legati alla sostanziale mancanza di giudizio morale: è una dote rara esporre, seppur parzialmente, una biografia e non dare un giudizio etico anche implicito,fra le righe.
Il regista è singolarmente neutro nell’esporre una vita di barbarie e atrocità con stralci potenti di ribellione che mostra dove arriva la forza di un individuo quando posto davanti a situazioni estreme e imprigionato in gabbie dorate.
Non ho una parola da dire a demerito, se non forse per la protagonista femminile Sarrab, personaggio usato in maniera un po’ scontata e poco sentito, almeno da me. Per tutto il resto non ho appunti specifici.
Come al solito dopo aver magnificato set e realismo, costumi e attori, analizziamo quello che per me è uno dei migliori prodotti di Dominic ed è una delle più valide e forti conferme di quanto sia capace: ha recitato un personaggio che recita un altro personaggio. Penso non ci sia altro da dire su questo.
Le considerazioni finali sono:forte introspezione psicologica, profonda conoscenza della storia e della cultura irachena e soprattutto, per una volta, rispettoso.
Sono contenta che Dominic abbia preso parte a un simile lavoro, che gli rende davvero onore e sottolinea il suo talento, oltre che dimostrare quanto sia in grado di migliorarsi costantemente.
Voto:8
Consigliato: si
Voto per la performance di Dominic:8+

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...