recensioni

Animali Notturni

nocturnal-animals-aaron-taylor-james-poster-405x600Premessa enorme: ho pensato molto se tentare di recensire questo film e a quale fosse il modo corretto in cui farlo.
I soliti punti?
Non mi pare molto sensato, per cui ho deciso che dopo aver esposto la trama, qui troverete una semplice serie di pensieri riguardo la pellicola e questa recensione, ovviamente, sarà con degli spoiler sparsi da questa riga in poi.
La trama è la storia di Susan, una mercante d’arte che vent’anni prima delle scene iniziali, si è separata da Edward, docente universitario con ambizioni di scrittura narrativa e Susan riceverà per posta un romanzo,intitolato Animali Notturni.
Non dirò oltre del plot.
Ci sono molti punti da far notare, ma in primis vorrei soffermarmi sulla qualità tecnica: ci sono inquadrature meravigliose, intense,vere, che sembrano davvero dei dipinti messi su schermo oppure corpi che diventano bambole o disturbanti ballerine nella sigla iniziale che ti lasciano dubitare della tua sanità mentale.
La poesia gotica, grottesca, emerge potente in questi squarci, che sono vera e propria arte a sé stante che coinvolge, sciocca e mantiene la tensione a un livello molto elevato senza perdere una vena di fascino sofisticato che permea tutta la storia e soprattutto il personaggio di Susan.
La costruzione dei personaggi è a tutto tondo e mette in risalto l’ipocrisia del mondo moderno, vuoto e fatto di apparenze per le quali si è disposti,spesso,perfino a rinunciare alla propria vena di sogno e umanità per la sicurezza e l’accettazione sociale (infatti tutti i personaggi che rifiutano questo compromesso sono narrati non direttamente, ma attraverso le vite degli altri).
Le performance degli attori sono state tutte meravigliosamente adeguate, dimostrando la qualità espressiva del cast che emerge sopratutto nelle situazioni di silenzio in cui sono gli occhi e gli atteggiamenti,le pose dei personaggi a parlare e a dar vita a persone vere e credibili nella loro generale paura della vita in cui si scoprono invischiati.
Il romanzo degli Animali Notturni è intrecciato alle vite dei protagonisti, che viene sbobinato in tutta la sua potenza malinconica e violenta insieme agli errori della protagonista femminile, la brutalità delle conseguenze delle proprie azioni, la voglia di sognare e la capacità di accettare il fatto che ognuno di noi in realtà, è in sé stesso, un animale che sente il bisogno di ritagliarsi il proprio spazio,primeggiare, avere il massimo che può dalla propria vita e l’accontentarsi di non decidere porta al limbo dell’insonnia notturna e riconoscere che i lati oscuri dell’anima,i chiari di luna di vendetta e dolore, sono parte di noi.
Singolarmente,dovendo nominare una performance su tutte, non saprei decidere fra Aaron Taylor Johnson e Amy Adams.
Mi piacciono loro soprattutto per l’intensità dei loro corpi, dei loro occhi, delle espressioni dei loro volti o l’assenza di esse, talvolta, che mi ha congelata sul posto al punto di farmi sentire,talvolta,fisicamente male.
Non voglio dire con questo che Jake ha fatto una performance non all’altezza, tutt’altro: Gyllenhaall è eccezionale -suggerimento su tutti, Southpaw e Amore e Altri Rimedi-, ma alcune sue espressioni mi sono sembrate molto molto forzate, a forza di deformarsi la faccia.
Bisogna fare una menzione speciale per motivi di affetto e capacità tecnica:  è Jena Malone, che da quando l’ho vista in Hunger Games non posso fare a meno di notare e amare, quindi uno shoutout per lei e la sua peculiarità a 360°.
In conclusione questo film è un piccolo gioiello che va visto e suggerisco di vederlo al cinema perché è una perla che mi ha lasciato triste e tesa, ma in un modo che non provavo da anni vedendo un film e mi ha fatto sentire bene.
Voto 9.

Annunci

4 thoughts on “Animali Notturni

  1. Non avrei saputo come recensirlo meglio, hai usato le parole che avrei voluto usare io ma che purtroppo non avevo…Quindi grazie. È uno dei film più veri che abbia visto negli ultimi anni e affronta temi molto delicati senza cliché

    1. Sono felice di essere riuscita ad esprimere concetti sensati, perché è stato difficile anche per me trovare le parole… sono uscita dalla sala sotto choc, quasi.
      Ho preso molto sul serio (o perlomeno, più degli altri film) il recensire questa pellicola perché spendere parole futili non mi piace e sarebbe mancare di rispetto al lavoro del cast.
      Trovo Animali Notturni un’opera d’arte e sapere che qualcuno condivide il mio pensiero a riguardo mi fa molto piacere.
      Ecco, è un film vero. Direi che è la parola perfetta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...